Dire che il tempo sia il bene più prezioso suona quasi come un’ovvietà. Le verità più essenziali suonano spesso ovvie, dopotutto. L’opzione migliore è cercare di seguire il consiglio di un certo Seneca: ‘affrettati a vivere bene e pensa che ogni giorno è in sé stesso una vita’. Il problema è che questo è spesso più facile a dirsi che a farsi. Viviamo infatti in un’ epoca digitale, fatta di siti ed apps che promettono di facilitare le nostre interazioni sociali. La maggior parte però non fa altro che farci perdere tempo prezioso. Un recente studio ha rivelato come milioni di individui sprechino in media 12 ore alla settimana sulle dating apps, passando il tempo a scrivere in chat che molto raramente portano ad incontri nella vita reale. 12 ore alla settimana per un anno equivale a quasi un mese della vostra vita. Moltiplicatelo per qualche milione di persone ed ottenete secoli buttati al vento. Alla faccia del ‘ogni giorno è in sé stesso una vita’. Non si tratta però solo di uno spreco di tempo, ma di un inutile consumo di energia mentale, un vero e proprio “lavoro part time” come alcuni utenti lo hanno definito. I mezzi che dovrebbero promuovere e facilitare l’incontro fra persone sembrano quindi non fare altro che alienarci gli uni dagli altri. Ed è qui che BlingMeet entra in gioco. Al contrario delle convenzionali app di dating, BlingMeet è infatti pensata precisamente per far si che le persone possano vivere esperienze concrete. L’interazione virtuale per noi non è il fine, come sembra esserlo diventato per gli altri colossi del dating, ma semplicemente un mezzo per facilitare la condivisione di momenti ed esperienze. L’app permette infatti di organizzare attività in compagnia conoscendo nuove persone, così da ampliare i vostri orizzonti e far si che possiate davvero vivere ogni giorno come se fosse una vita in se stesso.